Terapie     
         
 
 
Terapie

Epilessia

E' noto che quanti più attacchi di epilessia ha il malato, tanto peggiore è la prognosi per la sua cura. Ora, grazie all'aiuto dei medici del nostro Centro, le prognosi diventano ottimistiche. Ai tradizionali preparati anticonvulsivi si abbinano gli aminoacidi e questo cambia radicalmente i risultati della cura; inoltre le medicine tradizionali si riducono gradualmente e questo è già di per se positivo in quanto la continua somministrazione di anticonvulsivi può causare gravi complicazioni.

Inoltre, i preparati tradizionali, pur facendo diminuire gli attacchi epilettici, non sempre ristabiliscono le funzioni dell'organismo, distrutte a causa della malattia. La perdita della memoria, la mancanza di concentrazione, l'aggressività, l'ansia, l'irritabilità dei malati, tutti questi sintomi diminuiscono sensibilmente con l'impiego degli aminoacidi. Perché? Gli aminoacidi aumentano bruscamente le capacità anticonvulsive del sistema nervoso centrale. Perciò l'attacco non avviene, anche se il centro che lo genera rimane per ancora un po' di tempo attivato.

Già dopo due settimane di trattamento i malati dichiarano di non aver mai avuto le attività percettive così efficienti. Gli effetti sono ancora più evidenti nei casi di malati allo stadio iniziale e di bambini; non aumenta la demenza epilettica, si recupera di gran lunga l'intelletto. Migliorano le prospettive del malato.

Anche se i risultati si manifestano già dopo la prima fase del trattamento, i medici raccomandano che si ripeta il trattamento tre o quattro volte allo scopo di renderne i risultati più durevoli.

Stando alle statistiche del Centro, nel 75- 80% dei casi viene raggiunta una dinamica positiva. L'effetto clinico sta nella minore frequenza degli attacchi e persino nell'eliminazione nel 90- 95% dei casi.

Vi sono malati che non hanno attacchi epilettici nel corso di due anni e le somministrazioni di medicine tradizionali vengono notevolmente ridotte. Vi è un criterio molto più oggettivo: l'encefalografia che viene fatta ad ogni malato prima e dopo il trattamento che di solito alla fine evidenzia una situazione migliore.

  Il Metodo "DOMAN" >>